Come prendersi cura di un garofano

Ora che siamo in primavera è un buon momento per vedere il nostro giardino, terrazza o balcone, pieno di fiori, e se ti piace piantare fiori straordinari e carini, niente come la decantazione per il gelsomino o, naturalmente, i garofani . Vesti il ​​tuo giardino con uno dei fiori più belli e impara ora passo dopo passo come piantare e curare un garofano.

Il garofano, tra le molte varietà di piante perenni con fiori, è senza dubbio uno dei più conosciuti e apprezzati. Appartiene alla specie Dianthus, una grande famiglia con molte varietà di fiori. È una pianta tipica delle aree mediterranee, non ha particolari esigenze di coltivazione e, quindi, è adatta anche a giardinieri non troppo esperti.

In questo modo, se desideri riempire il tuo giardino di garofani questa primavera, scegli la varietà che ti piace di più e impara ora come vengono coltivati ​​e curati i garofani in modo che tu possa vederli sbocciare presto.

Primi passi per prendersi cura di un garofano

Questa bella pianta con una ricca fioritura preferisce un terreno ricco e ben drenato : questo vale per tutte le varietà. Se viene coltivato in vaso, è bene mettere uno strato spesso di ciottoli o ghiaia sul fondo.

Le giovani piante non hanno bisogno di grandi vasi e anche, come adulti, la loro richiesta di spazio non è eccessiva. Il trapianto è appropriato quando le radici tendono a lasciare il fondo del contenitore e dovrebbero essere valutate in primavera.

Il garofano non ha bisogno di potatura, ma per avere fiori abbondanti e prolungati , è utile rimuovere regolarmente i fiori essiccati e le parti danneggiate. Le piante giovani sono più esuberanti, quindi è meglio sostituire quelle da 3 a 4 anni con esemplari giovani.

Vediamo ora tutti i passaggi che dobbiamo seguire per crescere e curare i garofani.

Prendersi cura di garofani: suolo

Poche affermazioni e una grande adattabilità a diverse condizioni rendono il garofano una pianta adatta sia per il giardino che per balconi o terrazze. Se viene posizionato nel giardino, sarà necessario scavare un doppio foro e seppellirlo con il collare a livello del suolo.

I garofani amano il sole e la luce, quindi posizionarsi con queste caratteristiche farà in modo che le piante crescano nel modo migliore e producano fiori durante l'estate.

Il terreno leggermente calcareo è il migliore per questa pianta che offre fiori che vanno dal bianco al rosso, rosa, giallo, arancio o variegato chiazzato. Nelle regioni temperate, alcune varietà fioriscono, anche se in modo più limitato, durante tutto l'anno.

Garofano: malattie

Tra le principali malattie del garofano abbiamo:

  • oidio.
  • Ossido.
  • Fusarium.
  • Afidi.
  • Tripidi.

Il garofano non può essere definito come una pianta facilmente suscettibile alle malattie, ma soffre anche degli attacchi di alcuni funghi e parassiti.

Oidio e ruggine sono causati da un'eccessiva umidità dovuta a una stagione calda: umidità, irrigazione eccessiva o mancanza di aerazione. Combattono eliminando la causa o usando l' anticrittogogia basata su rame, zolfo e zinco .

I parassiti, così come l'uso di rimedi naturali, sono anche neutralizzati con prodotti specifici.

Garofano: irrigazioni

L' irrigazione regolare del garofano quando il terreno è secco contribuisce alla sua crescita. L'aspetto più importante da prendere in considerazione per quanto riguarda i rischi è che sono acque stagnanti, soprattutto se coltiviamo i garofani in vaso ma evitiamo l'umidità.

Garofano: moltiplicazione

Esistono diversi modi per ottenere nuove piante di garofano:

  • La divisione delle piume.
  • Il taglio
  • La semina

La semplicità della propagazione del garofano è un altro aspetto positivo di questo tipo di pianta sempreverde.

Con le varietà che lo consentono, la divisione dei pennacchi è il metodo più semplice e immediato per avere nuove piante.

I tagli dei rami sono presi in estate, usando rami non floreali, per metterli in una miscela di sabbia e torba, mantenendoli umidi.

L' impianto, infine, viene effettuato preferibilmente nella primavera di mantenimento dei semi protetti da un foglio di plastica.

Garofano: fertilizzazione

Essendo una pianta che vive diverse stagioni ed è incline a prosperare abbondantemente, il garofano ha bisogno di una concimazione che deve essere fornita soprattutto durante la stagione della fioritura.

Un fertilizzante liquido specifico deve essere somministrato alle piante con fiori primaverili ogni 20 giorni. In alternativa, è possibile utilizzare fertilizzante granulare a rilascio lento, per posizionarlo nel terreno ogni due mesi.

Fai attenzione, tuttavia, a non esagerare perché troppo fertilizzante potrebbe essere dannoso.

Garofano: consigli per la cura adeguata

Per finire ti diamo alcuni consigli chiave per sapere come prendersi cura dei tuoi garofani con successo:

  • Luogo soleggiato e arioso
  • Drenaggio efficace
  • Irrigazione moderata
  • Rimozione regolare di fiori essiccati.
  • Fecondazione regolare ma leggera .

Nel seguire queste poche indicazioni è il segreto di avere bellissime piante di garofano e molti fiori per abbellire la casa, così questa pianta diventa la protagonista principale della tua casa questa primavera.