Come coltivare i piselli

Uno dei legumi con più vitamine che possiamo mangiare sono i piselli, che possiamo anche coltivare in casa in modo semplice. Se hai un piccolo giardino nel tuo giardino, terrazza o balcone, non esitare e segui questa guida per imparare a coltivare i piselli.

I piselli sono un legume apprezzato per i suoi semi e dolci caramelle. Coltivato come una specie di circa 11.000 anni, i piselli sono una ricca fonte di proteine ​​(23-25%), aminoacidi essenziali, carboidrati complessi e minerali come ferro, calcio e potassio. Sono naturalmente a basso contenuto di sodio e grassi e, soprattutto, sono facili da coltivare, anche se hanno una stagione di crescita molto limitata e richiedono terreno fertile, ben drenato e ben lavorato, oltre a seguire questi passaggi.

Passi per coltivare i piselli:

  1. È meglio iniziare a seminare i piselli a febbraio in una zona calda, anche se quando acquisti i semi devi informarti perché troverai sicuramente qualche altra varietà in grado di svernare all'aperto a ottobre e novembre, se quello che vuoi è coltivare i piselli in questo momento dell'anno. Una volta piantati i nostri piselli, possiamo raccogliere i baccelli in circa 12 o 14 settimane.
  2. I piselli vengono solitamente seminati a una profondità di 3-5 cm, in solchi con un fondo piatto e 23 cm di larghezza, distanziando i semi di 5 cm. Durante questo periodo, è importante proteggere i semi di uccelli e roditori.
  3. Non appena germogli i viticci, dovresti sostenere le piante con bastoni o con una rete metallica.
  4. Se il terreno è asciutto, irrigalo costantemente dopo la fioritura della pianta.
  5. Devi anche assicurarti di non concimare troppo il terreno. I piselli sono particolarmente sensibili all'eccesso di azoto, non necessitano di grandi dosi di fertilizzante ma bisogna stare attenti soprattutto a non essere attaccati dal verme pisello in modo che applichi un prodotto disinfettante
  6. D'altra parte, amano il fosforo e il potassio, quindi un buon rimedio per la pianta del pisello per crescere sano e forte è quello di aggiungere alcune ceneri di legno al terreno.
  7. D'altra parte, per coltivare bene i piselli è meglio ruotare le colture di piselli ogni due anni per evitare l'accumulo di malattie causate dal suolo.
  8. Una volta che vedi che i baccelli sono pieni (noterai i grumi del pisello) e puoi aprirli per consumarne l'interno.

Un fatto curioso : la varietà di piselli "ornamentali" non è un vero "pisello" ma appartiene al genere Lathyrus, originario dell'Italia meridionale. I suoi semi sono tossici se ingeriti in grandi quantità quindi fate attenzione quando comprate i semi per coltivare i piselli, poiché vi accorgerete presto che esistono diverse specie o varietà.