Biciclette più sicure con sensore di prossimità Backtracker

Sempre più persone stanno scendendo in strada con le loro biciclette. Fino a qualche anno fa servivano solo come risorsa per l'esercizio, ma oggi sono un mezzo di trasporto economico e ecologico. Tuttavia, non si può dire che sia molto sicuro, dal momento che anche gli incidenti tra ciclisti e veicoli sono frequenti. Per evitare qualsiasi abuso, è possibile acquistare un radar o un sensore di prossimità per la bicicletta che utilizza il nome di Backtracker .

È composto da due parti. Nella parte posteriore, sotto il sedile incorpora una luce per avvisare i veicoli della nostra presenza, che inizierà a lampeggiare più frequentemente quando si avvicina troppo. Finge in questo modo di catturare l'attenzione dell'autista. Nella parte anteriore, dove il manubrio, porteremo un altro dispositivo che ci informerà sia della distanza che della velocità dei veicoli che arrivano alle nostre schiene, con un massimo di 150 metri.

È un'opzione molto interessante per coloro che fanno molti chilometri sulle loro biciclette e circolano attraverso strade trafficate. Ha una batteria che ha autonomia per otto ore ed è in grado di catturare velocità fino a 160 chilometri all'ora. Il suo peso è insignificante, poiché difficilmente noterete la sua presenza sulla bici. Il dispositivo nella parte anteriore raggiunge appena 50 grammi, mentre la parte posteriore a 80.

Qualche mese fa è stato presentato il progetto, ma vale la pena ricordare perché è un'invenzione perfetta per garantire la sicurezza degli atleti. I responsabili dello sviluppo di questo prodotto si dichiarano appassionati di ciclismo, quindi sono sicuro che sappiano cosa succede tra le auto. Il suo prezzo è di circa 110 euro e mira a diventare un prodotto utile su base giornaliera.