Puoi correre una maratona in meno di due ore?

In questo momento sembra qualcosa di impossibile. Fermare un cronometro nella maratona sotto le due ore non è alla portata di nessuno, ma negli ultimi tempi c'è stata un'importante svolta che invita a essere ottimisti. Sia gli atleti d'élite che gli organizzatori della gara credono che questo traguardo sarà raggiunto in un futuro non troppo lontano. Al momento il record del mondo in lontananza è stato stabilito nella maratona di Berlino in 2:02:57, dal keniano Dennis Kimetto. Pensi di poter correre una maratona in meno di due ore?

Ci sono ragioni per pensare a questo disco

Un sondaggio realizzato attraverso il sito della Frankfurt Marathon, a cui hanno preso parte corridori di primo livello e registi di prestigiose gare europee, riflette che la barriera di due ore sarà superata poiché l'evoluzione dei marchi ruota attorno a quella direzione.

Oltre alla registrazione di Kimetto a Berlino, c'è un altro fatto che invita ad essere ottimisti. Ha stabilito un record al chilometro 25 per ottenere 1: 11.18 . Con quel ritmo ci sono molte possibilità di scendere stavolta.

I grandi atleti dicono

Haile Gebrselassie è stata la prima a perdere 2 ore e 4 minuti, oltre a battere due volte il record del mondo a Berlino. Crede che la barriera di due ore sarà rotta, ma dovremo ancora aspettare a lungo . "Forse non accadrà nei prossimi venti anni, ma lo vedremo", dice l'etiope.

Patrick Makau, un cittadino keniota, è riuscito a superare Gebrselassie nel 2011 strappando il record del mondo con un voto di 2:03:38. Ritiene che l'evoluzione dei nuovi talenti farà sì che si ottenga a meno delle due ore della maratona. "Ci vorrà ancora un po ', ma alla fine succederà", aggiunge.

L'attuale campione del mondo è l'ugandese Stephen Kiprotich. Riconosce che alcuni anni fa "nessuno poteva immaginare che il record fosse caduto 2:07 da quando Paul Tergat l'aveva ottenuto nel 2002 a Berlino", con un tempo di 2:05. Si noti che gli intervalli con cui i record sono interrotti si stanno riducendo .

Dicono anche i registi delle gare

Il responsabile della maratona di Vienna, Wolfgang Konrad, è più ottimista della maggior parte dei corridori e ritiene che nel giro di dieci anni vedremo qualcuno scendere di questo registro. Indica che il responsabile sarà qualcuno che viene dalla competizione a distanze più brevi, che può superare la velocità con cui gareggiano nelle maratone.

Mark Milde, direttore della maratona di Berlino, considerato uno dei più veloci al mondo e dove la maggior parte dei record sono stati raggiunti, stabilisce un periodo di quindici anni per andare al di sotto delle due ore. Per questo, considera il ruolo delle calzature in tutto questo come un fattore essenziale. " L'evoluzione delle sneakers sarà essenziale, così come la superficie su cui corrono." Fidati che è nella capitale tedesca con condizioni meteorologiche adeguate. Il tempo rimuoverà o darà ragioni.