Cos'è un'isterectomia

Capita spesso di sentire o leggere termini tecnici troppo tecnici che non forniscono molte soluzioni. Questa volta spiegheremo cos'è l'isterectomia . Implica la rimozione dell'utero. Questa operazione può essere combinata o meno con la rimozione delle tube di Falloppio e una delle ovaie o entrambe.

Esistono diversi tipi di isterectomia, che dipendono dagli organi da rimuovere.

  • L'isterectomia parziale comporta la rimozione del corpo dall'utero, lasciando la cervice.
  • L'isterectomia totale è l'operazione più frequente e suppone che sia la cervice che l'utero siano rimossi, oltre all'utero.
  • Un'isterectomia radicale comprende la rimozione della cervice, dell'utero, una piccola porzione della parte superiore della vagina e una piccola quantità del tessuto connettivo della pelvi. Questo di solito è fatto solo quando c'è il cancro cervicale.

Quando è necessaria un'isterectomia?

È, senza dubbio, una delle operazioni ginecologiche più comuni . Di solito è fatto quando è stato diagnosticato un cancro dell'utero o della cervice. Si raccomanda anche quando c'è un cancro ovarico.

La maggior parte di questi interventi si svolgono in donne che non soffrono di cancro, ma che soffrono di dolori o emorragie uterine. I continui disagi li portano a passare attraverso la sala operatoria.

L'isterectomia è un'alternativa ideale per le donne con endometriosi, miomi, regole abbondanti o malattia infiammatoria pelvica . Nel caso in cui vi sia un'uscita parziale o totale dell'utero attraverso la vagina, questo intervento può essere fatto anche come parte del trattamento.

Come è fatto?

Questo tipo di operazione ha una certa importanza. Sarà fatto in anestesia generale e il metodo varierà tra vari fattori come l'esperienza del ginecologo o la dimensione dell'utero, tra le altre cose.