Come si diffonde la malattia del bacio

La malattia del bacio è comunemente conosciuta come mononucleosi infettiva. È una condizione causata dal virus Epstein-Barr, una classe di herpes che viene trasmessa principalmente attraverso la saliva. Questa malattia non è molto grave nella maggior parte dei casi, anche passando inosservata o mostrando solo sintomi di affaticamento o debolezza. Ecco come diffondere la malattia dei baci.

Si trasmette principalmente attraverso la saliva, mantenendo contatti intimi e prolungati. Ecco da dove viene il suo nome. È normale che si presenti soprattutto nei giovani tra i 15 ei 17 anni al momento del bacio. Tuttavia, questa complicazione può apparire a qualsiasi età.

Può anche essere diffuso attraverso uno stretto contatto con una persona infetta . Con un colpo di tosse o uno starnuto sarà sufficiente per essere trasmesso ad una persona dall'ambiente che era totalmente sano. Ci sono anche molte possibilità di infettare la malattia del bacio quando si condividono utensili come bicchieri, cucchiai, bevande o pasti. Nel caso di sospettare che qualcuno nel nostro ambiente abbia la mononucleosi, cercheremo di evitare qualsiasi tipo di approccio.

Anche se non è molto frequente, le infezioni sono state rilevate anche tramite trasfusioni di sangue . Ecco perché gli esperti consigliano di non donare sangue durante i prossimi sei mesi per soffrire della malattia.

I sintomi della malattia bacia

  • Febbre e mal di testa : questi sono i sintomi più comuni. Coloro che ne sono affetti noteranno la febbre per almeno tre settimane, con picchi significativi.
  • Angina, faringite e gonfiore delle ghiandole : la maggior parte dei pazienti sviluppa anginie, che è un'infiammazione delle tonsille causate dai linfociti infettati dal virus Epstein-Barr.
  • Affaticamento e stanchezza : il malato si sentirà più stanco del solito. La cosa giusta da fare è riposare sul letto, idratarsi correttamente e non fare troppi sforzi.
  • Eruzione cutanea : può apparire un piccolo rossore sulla pelle, sebbene non sia la più frequente.