Milia: cos'è e come possiamo combatterlo?

Sono mai comparsi piccoli urti bianchi intorno agli occhi? Questo sintomo, noto come milia, è un sacco chiuso formato dall'accumulo di cheratina, una proteina che risiede nei capelli, nelle unghie o sulla superficie della pelle. Il problema sorge quando quest'ultimo non è in grado di eliminare le cellule morte, causando un'ostruzione nei pori.

La milia non capisce il genere o l'età, tuttavia, i neonati hanno maggiori probabilità di svilupparlo. Normalmente, le cisti spuntano nell'area del viso, specialmente sulle guance e sulle palpebre. Sebbene non causino alcun tipo di dolore o prurito, alcuni la considerano un fastidio in campo estetico. Bene, in molte occasioni, la milia non scompare da diversi anni.

Cosa causa una cisti di milia?

Milia è più comune nei neonati rispetto ai pazienti adulti.

Sebbene nei bambini l'origine della milia non sia nota, tra gli adulti esiste un legame diretto con il danno o con le malattie della pelle. Come ustioni, uso prolungato di creme steroidei, procedure di ringiovanimento o eccessiva esposizione alla luce solare.

Come possiamo trattarlo?

Le palpebre, il naso e le guance sono le zone più colpite del viso.

Nel caso dei bambini, la milia non richiede alcun tipo di trattamento, le cisti di solito scompaiono dopo poche settimane. D'altra parte, il resto dei pazienti deve vivere con loro per un tempo più lungo. Tuttavia, ci sono molti metodi che aiutano a velocizzare il processo. Parliamo di trattamenti con finalità cosmetiche, in grado di decollare la milia e drenarne il contenuto :

  • Prodotti esfolianti ad azione con alfa idrossi acidi e retinoidi topici nella loro composizione. Cioè, creme che contengono composti di vitamina A
  • Ablazione laser
  • Sessioni di crioterapia o congelamento . O diatermia, che prevede l'uso di calore estremo
  • Peeling chimico
  • Raschiatura chirurgica e cauterizzazione della cisti
  • Deroofing, o l'uso di un ago sterile per estrarre il contenuto della milia