Le cinque malattie più comuni in primavera

Per molte persone, la primavera è la stagione più bella dell'anno. Dopo aver superato il freddo inverno, il bel tempo e la fioritura danno un tocco di gioia a questo ambiente nascosto sotto le nuvole. Anche migliorando il nostro umore. Tuttavia, c'è un aspetto che, a differenza del resto, soffre del suo arrivo. Parliamo di salute. Ci sono alcune infezioni o malattie il cui rischio aumenta durante i prossimi tre mesi. Come per esempio, asma o congiuntivite. Quali altre condizioni attivano il segnale di allarme?

Primavera Astenia

Il sintomo più ricorrente è la costante sensazione di affaticamento.

Più che una malattia, l' astenia primaverile è un disturbo esclusivo di questo tempo che non richiede alcun trattamento. Tra i suoi vari sintomi sono il dolore muscolare, l'ansia, una sensazione quasi permanente di affaticamento, perdita di peso, febbre o cambiamenti nel ritmo intestinale. Tutti scompaiono con il passare dei giorni.

varicella

La varicella è più comune tra i bambini.

La primavera crea un ambiente favorevole per la proliferazione del virus della varicella zoster . La maggior parte dei casi si verifica nei bambini di età inferiore ai 15 anni, sebbene possa essere osservata anche negli anziani. Il pericolo sta nella facilità della loro infezione, che causa immediatamente eruzioni cutanee, febbre e malessere nel paziente.

Infezioni della pelle

Proteggi la tua pelle da funghi e batteri.

Funghi e batteri recuperano forza con l'arrivo del bel tempo, espandendo anche il loro focus di azione. Per evitare questo tipo di infezione, gli esperti raccomandano di evitare sbalzi di temperatura e bagni prolungati, usare più vestiti di cotone e asciugare bene dopo la doccia. La pelle è una delle parti più delicate del corpo.

allergie

L'allergia ai pollini regna durante i mesi primaverili.

Sebbene la maggior parte delle persone allergiche vedano la polvere come il loro principale nemico, il polline è anche un avversario da considerare. Le alte piogge invernali favoriscono la germinazione delle piante e la loro conseguente impollinazione . I mesi più problematici per chi è allergico ai pollini sono maggio e luglio.

disidratazione

Quelli oltre i 50 sono a maggior rischio di disidratazione.

La disidratazione tra bambini e anziani aumenta anche in primavera, raggiungendo il suo picco in estate. Nel corpo, l'acqua regola la temperatura corporea, facilitando la digestione, lubrificando le articolazioni o trasportando i nutrienti . Con due litri di acqua al giorno, queste funzioni rimarranno in perfetto equilibrio.