Dieta 5: 2, dall'eccesso al sacrificio in soli sette giorni

L'estate si avvicina a passi da gigante e con essa le prime visite in spiaggia. Per questi e molti altri motivi, gli amanti del culto del corpo hanno già iniziato la temuta operazione bikini, con l'obiettivo di mostrare i loro migliori vestiti in riva al mare. Il problema sorge quando si sceglie il miglior metodo di perdita di peso, un titolo che ora supporta la famosa dieta 5: 2, creata dalla nutrizionista Jacqueline Whitehart.

Qual è la dieta 5: 2?

La dieta 5: 2 ha tanti seguaci quanto i detrattori.

Per perdere peso è necessario consumare meno calorie di quelle che bruciano durante il giorno. Per questo, devi combinare una dieta bilanciata con la pratica dell'esercizio fisico. Secondo questa premessa, la dieta 5: 2 propone cinque giorni alla settimana a seguito di un livello calorico normale e altri due giorni più restrittivi .

I giorni di privazione dovrebbero essere tra 900 calorie per gli uomini e 600 per le donne . Mentre nei giorni restanti, il paziente può mangiare tutto ciò che vuole, purché non superi le 2.000 calorie al giorno.

I giorni illimitati non dovrebbero superare le 2.000 calorie.

Il suo creatore assicura che con questo metodo è possibile perdere fino a 6 chili in un solo mese. È adatto a tutti i tipi di persone e include una dieta di mantenimento perfetta per conservare il peso perso durante la procedura precedente. Il suo nome è 6: 1 e ha una giornata di digiuno di meno di 600 calorie.

Alimenti raccomandati ed esercizio fisico

Zuppe e creme sono la scelta migliore per i giorni di digiuno.

Gli esperti raccomandano il consumo esclusivo di zuppe, frutta e verdura per i giorni di digiuno. In alcune versioni della dieta anche legumi e cereali integrali rientrano in questo gruppo, ma in quantità minori. Inoltre, è consigliabile bere molti liquidi, preferibilmente acqua frizzante o infusi come tè nero o tè verde, per rimanere sazi fino all'arrivo del cibo. Per quanto riguarda l'attività fisica, l'opzione migliore è concentrare lo sforzo sugli esercizi di forza e di resistenza, dando priorità alla zona muscolare delle gambe e dei glutei.