Come rilevare il cancro al seno

Ottobre è il mese dedicato alla lotta contro il cancro al seno, una malattia che colpisce milioni di donne in tutto il mondo, in cui la diagnosi precoce è un fattore determinante. Ma come possiamo rilevare il cancro al seno?

Il tumore al seno rilevato precocemente, quando è piccolo e non si è diffuso, è più facile da trattare con successo . Esecuzione di test regolari è il modo più affidabile per rilevarlo. Tuttavia, ci sono anche alcune linee guida di rilevamento per le donne ad alto rischio di sofferenza da esso. Nonostante ciò, ogni donna può eseguire a casa un autoesame del seno per rilevare possibili grumi e non dimenticare di andare dal medico o dal ginecologo regolarmente.

L' obiettivo dello screening del cancro al seno è di trovarlo prima che si manifestino i primi sintomi (come un nodulo che può essere palpato). Un cancro scoperto durante questi screening è solitamente più piccolo e probabilmente sarà limitato al seno. La dimensione del cancro al seno e la sua estensione sono alcuni dei fattori più importanti nel predire la prognosi di una donna con questa malattia.

Come regola generale, una donna è considerata a rischio medio se non ha una storia di cancro al seno, una storia familiare di cancro al seno o una mutazione genetica nota per aumentare il rischio (gene BRCA) e non ha ricevuto radioterapia al torace prima dei 30 anni.

Quando dovrebbe essere eseguita una mammografia?

  • Le donne tra i 40 ei 44 anni hanno la possibilità di iniziare il test di screening con una mammografia ogni anno.
  • Le donne di età compresa tra 45 e 54 anni dovrebbero avere mammografie ogni anno.
  • Le donne sopra i 55 anni possono passare a una mammografia ogni due anni, oppure possono scegliere di continuare con le mammografie annuali. La valutazione dovrebbe continuare fino a quando la donna è in buona salute e si prevede che vivrà 10 anni o più.

L'importanza di ottenere una mammografia

Tutte le donne dovrebbero sapere cosa aspettarsi quando ricevono una mammografia per il test di screening del cancro al seno: cosa può fare o non fare il test, quindi vale anche la pena fare a casa il cosiddetto " auto-esame " che consiste nel palpare il torace alla ricerca di qualche tipo di nodulo o cisti. D'altra parte, ogni donna dovrebbe considerare l'aspetto e il tatto del suo seno e segnalare eventuali modifiche al suo medico o ginecologo.

Ci sono alcuni sintomi che possono portarci a rilevare il cancro al seno:

  • Secrezione del capezzolo improvviso (con sangue o in un seno).
  • Che un cambiamento fisico appare come una piaga sul capezzolo.
  • Irritazione della pelle o qualsiasi cambiamento nel tipo di ruvidità, piega o pelle squamosa.
  • Che si nota il seno rosso e gonfio, o che si nota la pelle rugosa come una "buccia d'arancia".
  • Dolore al seno che non scompare e aumenta.

Questi sintomi possono indicare che hai un tumore al seno, quindi se qualcuno di questi viene identificato, dovresti andare immediatamente dal medico . È anche importante evitare lo sviluppo della malattia per non saltare alcuna revisione ginecologica dall'età indicata.